Piste ciclabili - Pinerolo Blues di Graziella Martina

Vai ai contenuti

…O PISTE MULTIUSO?
23 agosto 2020 ore 13.30.
Decido di andare a pedalare un po’. E’ la prima volta che utilizzo la pista ciclabile che passa proprio accanto al garage dove ho le bici. Vado in direzione della piscina, poi proseguo per un tratto sulla strada normale prima di tornare indietro nuovamente sulla pista riservata alle bici. Mentre percorro il tratto fra il Liceo Scientifico e l’Istituto Tecnico Buniva, vedo un runner che viene verso di me occupando la parte di strada destinata al transito delle biciclette. Da notare che in giro non c’è anima viva, quindi lui avrebbe a disposizione non solo la strada, ma ben due marciapiedi. E invece no. Lui ha scelto di correre sul percorso delle bici, costringendo me a spostarmi per lasciarlo passare. Ecco, sono comportamenti stupidi e maleducati come questo, sicuramente adottati anche in altre situazioni, che inducono a pensare che, anche se vengono  migliorate le infrastrutture, purtroppo è la testa che non migliora.  
26 agosto ore 14. Faccio lo stesso percorso e, appena svolto dalla via delle scuole, ecco che mi trovo davanti un camion bellamente parcheggiato sul percorso ciclabile. Questo succede anche perché, per fare una pista ciclabile non basta tracciare qualche linea bianca sull’asfalto e metterci accanto il disegnino della bici. Essa dovrebbe essere separata dalla strada almeno da un piccolo rialzo. Probabilmente non servirebbe neanche quello ed inoltre non dappertutto è possibile farlo.
27 agosto 2020 ore 14.30 Per la terza volta percorro lo stesso tragitto. Questa volta l’ostacolo è rappresentato da due ragazze sedute sul marciapiede che hanno le gambe allungate sul mio itinerario. Dato che non fanno cenno di tirarle indietro e che non posso scansarle perché sulla mia destra c’è il marciapiede e sulla mia sinistra ci sono le auto parcheggiate non mi resta altro da fare che fermarmi e dare loro il tempo di spostarsi leggermente…
28 agosto ore 14 Nel frattempo, tra i due edifici scolastici menzionati sopra ho subito una foratura della gomma anteriore. 10 euro da Vaira.
Che altro deve ancora succedere?
Il seguito alla prossima puntata.    


Torna ai contenuti